Storia Ulivo

Un pò di storia su questa meravigliosa pianta.

La Puglia intera, nonché il Salento, vengono spesso ricordati dai turisti di passaggio, nonché dai visitatori abituali per le bellezze naturalistiche: il mare, le lunghe spiagge e gli oliveti.

Distese di tronchi deformati dal tempo, tutti uguali eppur diversi nella struttura, nella forma, nella chioma ormai imponente, gli ulivi secolari si stagliano sul panorama salentino, conferendogli odori e colori tipici e, ormai, tradizionali.

L’albero di ulivo è, certamente, uno dei simboli per eccellenza del Salento: ne sono stati stimati circa 50-60 milioni su tutto il territorio e molti di essi sono secolari.

Le caratteristiche geologiche, nonché la scarsa necessità di cure, fanno sì che gli ulivi resistano per anni, lustri, e, addirittura, secoli, alle intemperie, alla forza distruttrice del vento e della pioggia e all’insopportabile caldo torrenziale delle estati salentine.

Chi li guarda resta spesso incantato e ammaliato nel pensare che quegli alberi, probabilmente, potrebbero raccontare più storie e tradizioni di un libro di “culacchi”. Ma è soprattutto la loro forma che lascia a bocca aperta, grandi e bambini: la pianta cresce molto lentamente e col passare del tempo il tronco si trasforma, diventando sempre più contorto, piegandosi su se stesso e, dopo lungo tempo, spaccandosi nel mezzo. È in questo momento che diviene casa per molteplici razze d’animaletti, di varia taglia.

La corteccia assume diverse sfumature di colore a seconda dell’età del tronco, nonché della penetrazione della luce solare che brucia e secca il legno; laddove il sole non batte, infatti, il legno tende a restare più umido e, talvolta, a marcire.

Sebbene l’aspetto caratteristico degli ulivi, in special modo di quelli secolari, sia il tronco, non bisogna dimenticare che il vero elemento essenziale si cela nella grande chioma: miriadi di palline piccole e scure dalle quali ricavare l’oro verde del salento, l’olio d’oliva, ormai esportato e conosciuto in tutto il mondo.

Turlizzi Antonio - Parabita (LE) 73052
Sede: via Giovanni Vinci n° 26
Esposizione: via Vittorio Emanuele II n° 13

Privacy Policy